L’interpretazione data dalle Sezioni Unite a quanto prevede l’art. 5 l. n. 898/1970 è stata lo strumento per dare alla disposizione un nuovo significato e ha, quindi, valenza – non soltanto di individuazione e di valorizzazione di uno dei suoi possibili significati disvelando una potenzialità semantica del testo, atteso che ogni diversa interpretazione ricava da una medesima disposizione un differente significato, ossia una distinta norma – di diritto vivente di fonte giurisprudenziale, la cui rilevanza si manifesta anche nei giudizi di legittimità costituzionale. …
Diritto e Giustizia

Risponde del reato di molestie a mezzo del telefono colui che, anche durante la notte, sebbene animato da motivi ludici, esegua numerose telefonate mute e anonime al telefono di cellulare un amico, atteso che anche i semplici squilli, se idonei a cagionare un turbamento o una molestia, integrano il reato di cui all’art. 660 c.p. (Cassazione penale, sezione I, sentenza 27 marzo 2019, n. 13363)….
Penale

Il c.d. Brexit, ovvero l’uscita del Regno Unito di Gran Bretagna dall’Unione Europea a seguito del referendum consultivo del 23 giugno 2016 avrebbe dovuto avvenire il 29 marzo 2019 a seguito dei due anni dalla notifica della lettera ai sensi dell’art. 50 TUE del Primo Ministro Britannico, Theresa May al Presidente del Consiglio Europeo, Donald Tusk. Tuttavia, questa circostanza non si è ancora verificata, avvolta com’è nell’incertezza se il Parlamento inglese ratificherà o meno l’accordo stipulato tra i rappresentanti del Regno Unito e dell’Unione Europea oppure si realizzerà l’ipotesi no deal. In ogni caso le corti hanno dovuto affrontare il contenzioso già sorto in mat…
Amministrativo

L’impugnazione deve contenere, a pena di inammissibilità, una chiara individuazione delle questioni e dei punti contestati della sentenza impugnata, affiancando alla parte volitiva una parte argomentativa che confuti e contrasti le ragioni addotte dal primo giudice. …
Diritto e Giustizia

In tema di notifica alla vittima del reato violento, qualora si proceda per un’estorsione aggravata, ossia per un reato che prevede un elevato rischio di recidiva nei confronti della stessa persona offesa, discende l’obbligo di notifica prevista dall’art. 299, comma 3, c.p.p.. …
Diritto e Giustizia

Nel caso sottoposto all’esame delle Sezioni unite da parte della V sezione della Corte di cassazione (ordinanza 13 marzo 2019, n.11160) la questione centrale riguarda l’utilizzabilità degli esiti delle operazioni di intercettazione, rilevanti ai fini della decisione, che erano state autorizzate con riferimento a reati diversi, rispetto ai quali non sussisteva alcun collegamento, se non meramente occasionale, con quelli che avevano determinato la autorizzazione delle operazioni di intercettazione….
Penale

La nuova formulazione dell’art. 20 del D.P.R. n. 380 del 2001 contempla, al di fuori delle fattispecie nelle quali emerga la sussistenza dei vincoli espressamente indicati, una ipotesi di silenzio assenso. Da tale disposizione, tuttavia, non discende in ogni caso e automaticamente l’inammissibilità dell’azione avverso il silenzio inadempimento ai sensi degli artt. 31 e 117 c.p.a., essendo rimessa al giudice la valutazione (in relazione alle specificità della fattispecie esaminata, alla natura del potere esercitato dall’amministrazione ed al complesso degli interessi coinvolti) circa la sussistenza dell’obbligo dell’amministrazione di provvedere. Lo stabilisce il Tar Lazio, sez….
Amministrativo

Affinché al coniuge divorziato sia riconosciuta la pensione di reversibilità o una quota di essa in caso di concorso con altro coniuge superstite, occorre che il richiedente, al momento della morte dell'ex coniuge, risulti titolare di assegno di divorzio, giudizialmente riconosciuto dal Tribunale con una sentenza che abbia pronunciato lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio. …
Diritto e Giustizia