Qualora l’uso del lastrico solare non sia comune a tutti i condomini, dei danni da infiltrazioni di acqua piovana nell’appartamento sottostante rispondono sia il proprietario del lastrico stesso (per un terzo delle spese di riparazione) sia il condominio (per i restanti due terzi).     …
Diritto e Giustizia

In caso di azione giudiziale dell’amministratore condominiale volta al recupero della quota di spese di competenza di un’unità immobiliare di proprietà esclusiva, è passivamente legittimato il proprietario di tale unità e non anche chi possa apparire tale. …
Diritto e Giustizia

Se un condomino è comproprietario di più appartamenti, egli va considerato come una sola “testa” in sede di assemblea condominiale, rappresentante i millesimi derivanti dalla somma algebrica delle varie unità immobiliari possedute. …
Diritto e Giustizia

Per effetto della disposizione di cui all’art. 1117-bis c.c., il supercondominio viene in essere «ipso iure et facto» quando più edifici sono legati tra loro dall’esistenza di «cose, impianti e servizi comuni, in relazione di accessorietà necessaria con i fabbricati», così da rendere applicabile la disciplina specifica del condominio e non quella generale della comunione. …
Diritto e Giustizia

Chi intende proporre l'actio negatoria servitutis non è tenuto a fornire una prova rigorosa sull'esistenza di un diritto di proprietà del bene, ma è tenuto a dimostrare di esercitare legittimamente il possesso sulla res. Di conseguenza, l'azione non può essere legittimamente proposta ove la questione abbia ad oggetto un'area a cui è permesso l'accesso da parte di una collettività indistinta di persone. …
Diritto e Giustizia

La conformazione negoziale della comproprietà che si ha attribuendo ad un comunista l’uso esclusivo della cosa comune e ai restanti comunisti utilità minori o completamente nulle, potrebbe postulare per la Suprema Corte un controllo circa l’esistenza o meno di un interesse meritevole di tutela in capo ai soggetti interessati da tale utilizzo. Si tratta di una questione di particolare importanza, da rimettere al Primo Presidente.   …
Diritto e Giustizia

Qualora il proprietario di un appartamento sito in un condominio esegua opere sui propri beni facendo uso anche di parti comuni, indipendentemente dall’applicabilità o meno delle norme sulle distanze, è necessario stabilire se abbia utilizzato tali parti comuni nei limiti di cui all’art. 1102 c.c..   …
Diritto e Giustizia

Al fine di poter applicare l’art. 1105 c.c., va considerata "urgente" non la spesa che sia giustificata dall'esigenza di manutenzione dell’edificio condominiale, quanto piuttosto la spesa la cui erogazione non possa essere differita senza danno o pericolo. …
Diritto e Giustizia