Il c.d. Brexit, ovvero l’uscita del Regno Unito di Gran Bretagna dall’Unione Europea a seguito del referendum consultivo del 23 giugno 2016 avrebbe dovuto avvenire il 29 marzo 2019 a seguito dei due anni dalla notifica della lettera ai sensi dell’art. 50 TUE del Primo Ministro Britannico, Theresa May al Presidente del Consiglio Europeo, Donald Tusk. Tuttavia, questa circostanza non si è ancora verificata, avvolta com’è nell’incertezza se il Parlamento inglese ratificherà o meno l’accordo stipulato tra i rappresentanti del Regno Unito e dell’Unione Europea oppure si realizzerà l’ipotesi no deal. In ogni caso le corti hanno dovuto affrontare il contenzioso già sorto in mat…
Amministrativo

La nuova formulazione dell’art. 20 del D.P.R. n. 380 del 2001 contempla, al di fuori delle fattispecie nelle quali emerga la sussistenza dei vincoli espressamente indicati, una ipotesi di silenzio assenso. Da tale disposizione, tuttavia, non discende in ogni caso e automaticamente l’inammissibilità dell’azione avverso il silenzio inadempimento ai sensi degli artt. 31 e 117 c.p.a., essendo rimessa al giudice la valutazione (in relazione alle specificità della fattispecie esaminata, alla natura del potere esercitato dall’amministrazione ed al complesso degli interessi coinvolti) circa la sussistenza dell’obbligo dell’amministrazione di provvedere. Lo stabilisce il Tar Lazio, sez….
Amministrativo

E’ legittima una sanzione adottata nei confronti di un allievo dell’Accademia dell’Aeronautica Militare, che ne ha determinato l’espulsione dall’Accademia, in quanto durante l’incontro tra allievi e familiari, si è recato con la propria fidanzata in sala convegno ufficiali, luogo precluso agli allievi, entrando poi con la stessa nei servizi igienici riservati alle donne La valutazione in ordine alla gravità dei fatti addebitati, in relazione all’applicazione di una sanzione disciplinare, costituisce espressione di discrezionalità amministrativa, non sindacabile in via generale dal giudice della legittimità, salvo che per violazione delle norme procedurali o in alcune ipotes…
Amministrativo

Con la sentenza n. 83 del 2019 il Giudice delle leggi ha dichiarato la non fondatezza, in riferimento agli artt. 38, commi 3 e 4, 97, 119, comma 4, 117, commi 3 e 4, e 118 Cost., delle questioni di legittimità costituzionale dell’art. 1, comma 70, della legge 27 dicembre 2017, n. 205, che prevedeva lo stanziamento per un solo anno a titolo di contributo alle spese delle Regioni per l’esercizio delle funzioni relative all’assistenza degli alunni con disabilità, poiché la norma non è affetta da aleatorietà e incertezza nell’an e nel quantum, piuttosto, in linea con le leggi di bilancio dei due anni precedenti, rinnova il finanziamento per l’anno di riferimento, senza alcuna disc…
Amministrativo

Nella Gazzetta Ufficiale del 18 aprile 2019 è stato pubblicato il decreto-legge 18 aprile 2019, n. 32 recante Disposizioni urgenti per il rilancio del settore dei contratti pubblici, per l’accelerazione degli interventi infrastrutturali, di rigenerazione urbana e di ricostruzione a seguito di eventi sismici. Il provvedimento dovrà essere ora convertito in legge entro 60 giorni….
Amministrativo

Rientra nella giurisdizione del giudice ordinario la controversia avente ad oggetto il mancato accoglimento di una istanza di voltura del contratto di locazione dell’alloggio gestito a titolo di Edilizia Residenziale Pubblica. Lo stabilisce il Tar Lazio, sez. II ter, sentenza 8 aprile 2019, n. 4519….
Amministrativo

La decisione amministrativa automatizzata, assunta mediante l’utilizzo di un algoritmo, impone che: a) l’algoritmo sia “conoscibile”, secondo una declinazione rafforzata del principio di trasparenza, che implica anche quello della piena conoscibilità di una regola espressa in un linguaggio differente da quello giuridico; b) la regola algoritmica sia non solo conoscibile in sé, ma anche soggetta alla piena cognizione, e al pieno sindacato, del giudice amministrativo. Lo stabilisce il Consiglio di Stato, sez. VI, sentenza 8 aprile 2019, n. 2270….
Amministrativo

L’omessa presentazione in gara della dichiarazione sostitutiva in ordine all’assenza dei reati ostativi, lungi dal rappresentare una falsa dichiarazione, di per sé sola idonea a giustificare l’esclusione del concorrente dalla gara, si configura come mancanza di una dichiarazione sostitutiva, in quanto tale sanabile facendo ricorso al soccorso istruttorio. Lo stabilisce il Consiglio di Stato, sez. V, sentenza 5 aprile 2019, n. 2242….
Amministrativo

In relazione al diniego di iscrizione nella white list – iscrizione che presuppone la stessa accertata impermeabilità alla criminalità organizzata – è sufficiente il pericolo di infiltrazione mafiosa fondato su un numero di indizi tale da rendere logicamente attendibile la presunzione dell’esistenza di un condizionamento da parte della criminalità organizzata. A tal fine è sufficiente a supportare il diniego di iscrizione la compagnia con persone vicine ad ambienti della criminalità organizzata. Lo stabilisce il Consiglio di Stato, sez. III, sentenza 3 aprile 2019, n. 2211….
Amministrativo

L’avvalimento è uno strumento che incontra il favor del Legislatore, dapprima comunitario e conseguentemente italiano, in quanto specificamente diretto a garantire la più ampia partecipazione alle gare di appalto, in modo che sia assicurata la massima concorrenza; il che conduce ad affermare che deve essere permesso concretamente all’impresa avvalente di utilizzare le risorse dell’ausiliaria, preventivamente indicate nel contratto di avvalimento (Tar Lazio, sezione I bis, sentenza 1 aprile 2019, n. 4247)….
Amministrativo