La cancellazione della società dal registro delle imprese priva la società stessa della capacità di stare in giudizio. Laddove l’estinzione avvenga nella pendenza di un procedimento in cui la società è parte, si determina dunque un evento interruttivo ex artt. 229 e ss. c.p.c. con eventuale prosecuzione o riassunzione da parte dei soci successori della persona giuridica.   …
Diritto e Giustizia

Nelle ipotesi in cui sia revocata l’ipoteca, accessoria ad un mutuo, ex artt. 66 l. fall. e 2091 c.c., che integri una garanzia costituita per un debito chirografario preesistente, la corrispondente pronuncia non comporta necessariamente l’esclusione dall’ammissione al passivo di quanto erogato per il mutuo stesso, dato che l’ammissione predetta è incompatibile solo con le fattispecie della simulazione e della novazione.   …
Diritto e Giustizia

L’art. 2751-bis c.c., nel prevedere l’ammissione privilegiata per i crediti da retribuzioni e provvigioni, crediti dei coltivatori diretti, delle società od enti cooperativi e delle imprese artigiane non ha natura interpretativa né efficacia retroattiva, ragion per cui riguardo al periodo anteriore all’entrata in vigore della novella, resta fermo che l’iscrizione all’albo delle imprese artigiane ex art. 5 l. n. 443/1985 non spiega alcuna influenza sul riconoscimento del privilegio, dovendosi ricavare la nozione di impresa artigiana dai criteri generali di cui all’art. 2083 c.c.. …
Diritto e Giustizia

All’esito dell'ammissione del credito al passivo fallimentare, l’opposizione avverso la liquidazione può essere trasmessa a mezzo telematico, spettando eventualmente al curatore l’onere di dimostrare sia la mancata ricezione che la tardività della comunicazione stessa. …
Diritto e Giustizia

La mancata indicazione, nella proposta concordataria, circa la pendenza di alcuni procedimenti giudiziari intentati dalla società debitrice non configura un’ipotesi di frode in danno ai creditori e non è dunque idonea a giustificare la revoca dell’ammissione della società alla procedura. …
Diritto e Giustizia

Laddove la proposta concordataria si qualifichi come liquidatoria, per conseguire l’effetto esdebitatorio tipico di tale procedura, la cessione dei beni deve essere totale, integrando, in caso contrario, una lesione del principio della responsabilità patrimoniale del debitore. …
Diritto e Giustizia

La tutela del marchio registrato ha luogo nel caso in cui la doglianza riguarda «un segno identico o simile al marchio registrato, per prodotti o servizi identici o affini», qualora, a causa dell’identità o somiglianza fra i segni, possa determinarsi un rischio di confusione per i clienti.   …
Diritto e Giustizia