Il decisum in commento affronta una questione di particolare importanza  nel concordato fallimentare relativa alla spettanza del diritto di voto al creditore proponente o ad altre parti creditrici a lui correlate. In particolare è pregiudiziale stabilire se al creditore che abbia presentato la proposta di concordato spetti o meno il diritto di voto ai fini della sua approvazione.   …
Diritto e Giustizia

La società di gestione aeroportuale in relazione alla fornitura di servizi degli scali aeroportuali non ha alcun obbligo a contrarre nei confronti delle compagnie aeree rilevante ai fini della deroga dell'art. 67, comma 2, l. fall..   …
Diritto e Giustizia

Il fallito che si ritiene danneggiato dall’attività del curatore durante la procedura fallimentare, non può, dopo essere tornato nel pieno della sua capacità, «pretendere di rimettere in discussione l’intangibile e conclusa da anni attività di riparto dell’attivo». …
Diritto e Giustizia

Il Tribunale di Udine, con l’ordinanza dello scorso 14 maggio, ha sollevato la questione di legittimità costituzionale dell’art. 7, comma 1, terzo periodo, l. n. 3/2012 – in relazione agli artt. 3 e 97 – in tema di infacidiabilità dell’IVA nell’ambito di una procedura di sovraindebitamento. …
Diritto e Giustizia

Il decisum in commento affronta la questione della valenza probatoria da attribuire alla dichiarazione di quietanza. Nello specifico si tratta di stabilire se la quietanza rilasciata da un creditore, poi fallito, al debitore all’atto del pagamento abbia, o meno, l’efficacia vincolante della confessione stragiudiziale, ex art. 2375 c.c.. …
Diritto e Giustizia

In tema di estensione del fallimento della società regolare al socio illimitatamente responsabile, dopo la sentenza n. 319/2000 della Corte Costituzionale – che ha dichiarato la parziale illegittimità dell'art. 147 l. fall. nella parte in cui prevedeva che il fallimento dei predetti soci potesse essere dichiarato dopo il decorso di un anno dal momento in cui essi avessero perso, per qualsiasi causa, la responsabilità illimitata – il recesso del socio, se anteriore di oltre un anno alla dichiarazione di fallimento, conduce all'accoglimento anche d'ufficio dell'opposizione al fallimento, in forza del principio di certezza delle situazioni giuridiche, che…
Diritto e Giustizia