È legittimo l'accertamento fondato sulle indagini bancarie dei conti correnti dei genitori del contribuente a maggior ragione se sullo stesso contribuente esiste una delega a operare e per alcuni movimenti è stata confermata la riconducibilità alla propria attività di libero professionista.   …
Diritto e Giustizia

La notifica del ricorso a mezzo posta con ricorso ad un corriere “privato” è inesistente. Lo ha stabilito la Cassazione con ordinanza n. 21884 del 7 settembre 2018 con cui ha rigettato il ricorso di un contribuente destinatario di alcuni avvisi di accertamento per TARSU/TIA.   …
Diritto e Giustizia

Ai fini IRAP, l'entità elevata dei compensi corrisposti dal professionista a terzi non rappresenta un elemento sufficiente per la debenza dell’imposta da parte del professionista. Il valore dei costi, infatti, non è di per sé indice della sussistenza del requisito dell'autonoma organizzazione, anche nel rapporto percentuale con i ricavi. …
Diritto e Giustizia

Nell'ipotesi di omessa impugnazione, nei confronti di tutte le parti, di sentenza pronunciata in causa caratterizzata da litisconsorzio necessario, il giudice deve disporre l'integrazione del contraddittorio, e, in difetto di emissione di tale ordine, sono nulli, con vizio rilevabile d'ufficio anche in sede di legittimità, l'intero procedimento di secondo grado e la sentenza che lo ha concluso. La sola eccezione a tale conseguenza riguarda il caso in cui, pur in mancanza di trattazione formalmente congiunta, i ricorsi siano comunque stati decisi in maniera “coordinata”, nell’ambito di procedimenti, che, seppur formalmente separati, si siano svolti …
Diritto e Giustizia

Il negozio simulato produce sempre effetti nei confronti dei terzi. La simulazione non può essere opposta dalle parti contraenti ai terzi, salvi gli effetti della trascrizione della domanda di simulazione. Né il mutuo dissenso può rappresentare una causa di risoluzione dei contratti ad effetti traslativi, anche considerato che, anche se a seguito del mutuo dissenso il rapporto giuridico costituito con il contratto viene meno con effetto retroattivo, sono comunque fatti salvi i diritti dei terzi. In tema di imposta di registro, poi, va comunque negata l'efficacia retroattiva del mutuo dissenso, dato che la restituzione dell'imposta, nel caso di nullità o…
Diritto e Giustizia