Ancora una volta si discute sul mancato trasferimento, in capo all'acquirente dell'unità abitativa, della proprietà (o, quantomeno, del diritto reale di uso) degli spazi vincolati a parcheggio. Il problema, questa volta, è particolarmente complesso in quanto si tratta di chiarire se il terzo acquirente che abbia acquistato le aree vincolate direttamente dal costruttore in violazione delle norme urbanistiche, sia tenuto a risarcire, di tasca propria, il proprietario estromesso e se abbia o meno la possibilità di rivalersi sul costruttore-venditore. …
Diritto e Giustizia

La Cassazione rigetta il ricorso sottolineando il principio di libertà delle forme della convocazione vigente in epoca pre riforma del diritto condominiale. …
Diritto e Giustizia

Il pagamento del canone per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche (COSAP) ex art. 31 l. n. 448/1998, deve considerarsi quale corrispettivo di una concessione, «reale o presunta, nel caso di occupazione abusiva, dell’uso esclusivo o speciale di beni pubblici». …
Diritto e Giustizia

Nel fornire un interpretazione alle clausole del regolamento contrattuale il Giudice deve utilizzare i canoni ermeneutici previsti dal codice civile e quindi leggere le clausole complessivamente e non limitarsi alla singola disposizione (art. 1363 c.c.) e cercare di ricostruire la volontà e l’intenzione delle parti contraenti (art. 1362 c.c.). …
Diritto e Giustizia

La natura condominiale dei beni, quindi, veniva esclusa «non già sulla base dell’atto di acquisto del condominio, ma dall’asserita insussistenza di una relazione strumentale tra i beni e l’edificio nel suo complesso e in particolare i negozi». …
Diritto e Giustizia

L’eventuale richiesta di modifica del regolamento condominiale e dei criteri di riparto in esso contenuti va rigettata dal Giudice in virtù della sua natura contrattuale che, per la modifica dello stesso, impone il ricorso alla volontà dell’assemblea dei condomini.   …
Diritto e Giustizia

Videosorveglianza e finestre del vicino. Il reato di illecite interferenze nella vita privata non esiste quando gli spazi altrui sono assimilabili a "luogo esposto al pubblico". Privacy domestica violata se l'angolo visuale delle riprese va oltre gli spazi di esclusiva pertinenza. No al danno in re ipsa, ma spunta il danno punitivo. …
Diritto e Giustizia