La regolamentazione sulle distanze è applicabile quando lo spazio su cui si apre la veduta è in comune, poiché in comproprietà o in condominio, ma solo se compatibile con la disciplina particolare relativa alle cose comuni. In caso di contrasto prevale, in virtù della sua specialità, la regola di cui all’art. 1102 c.c..   …
Diritto e Giustizia

In tema di invalidità delle delibere condominiali, sono annullabili le deliberazioni che presentano vizi relativi alla regolare costituzione dell’assemblea, quelle adottate con maggioranza inferiore a quella indicata dalla legge ovvero quelle affette da vizi formali.   …
Diritto e Giustizia

In caso di partecipazione di un condomino all’assemblea a mezzo di rappresentante, qualora il condomino rappresentato impugni la deliberazione dell’assemblea, assumendo che la stessa sia stata adottata in forza del voto di un proprio “infedele” delegato per abusivo riempimento della delega firmata in bianco (voto che abbia inciso o sulla regolare costituzione dell’assemblea o sul raggiungimento della maggioranza deliberativa prescritta dalla legge o dal regolamento), deve fornire la prova di un accordo di contenuto diverso da quello del foglio sottoscritto non essendo sufficiente il mero disconoscimento del contenuto della delega.   …
Diritto e Giustizia

In sede di opposizione a decreto ingiuntivo per spese condominiali, mentre non possono farsi valere questioni attinenti all'annullabilità della delibera di approvazione dello stato di ripartizione, spettando al giudice dell'opposizione verificare la perdurante efficacia della delibera sottesa al decreto ingiuntivo emesso, può invece, rilevarsi la nullità, anche d'ufficio, non essendo questa valida ed efficace e trovando perciò applicazione l'art. 1421 c.c. in tema di rilevabilità d'ufficio della nullità dei contratti, trattandosi di vizio afferente ad elementi costitutivi della domanda (fattispecie in cui l'opponente aveva …
Diritto e Giustizia

La disciplina della suddivisione di un condominio in più condomini separati, regolata dagli artt. 61 e 62 disp. att. c.c., si può attuare quando il palazzo oggetto dell’iniziale divisione possa essere scisso in parti che abbiano caratteristiche tipiche degli edifici autonomi, anche se parte degli stessi resta in comune con la struttura originaria con elementi comuni tra i vari palazzi tra le parti indicate dall’art. 1117 c.c..   …
Diritto e Giustizia

Respinte le obiezioni proposte dal titolare dell’attività, svolta in un immobile di sua proprietà e collocato al piano rialzato dello stabile. Vincente la linea dura adottata dalle famiglie che vivono nell’edificio. Decisiva la lettura del regolamento riguardante la gestione del condominio.   …
Diritto e Giustizia