L’Amministrazione non ha l’obbligo di preferire lo scorrimento di una graduatoria esistente rispetto all’indizione di un nuovo concorso, ma tale scelta deve essere adeguatamente motivata. Lo stabilisce il Tar Lazio, sez. III bis, sentenza 12 novembre 2018, n. 10862….
Amministrativo

Vengono rimesse all’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato le questioni: – se, per le gare bandite nella vigenza del D.Lgs. 18 aprile 2016, n. 50, la mancata indicazione separata degli oneri di sicurezza aziendale determini immediatamente e incondizionatamente l’esclusione del concorrente, senza possibilità di soccorso istruttorio, anche quando non è in discussione l’adempimento da parte del concorrente degli obblighi di sicurezza, né il computo dei relativi oneri nella formulazione dell’offerta, né vengono in rilievo profili di anomalia dell’offerta, ma si contesta soltanto che l’offerta non specifica la quota di prezzo corrispondente ai predetti oneri; – se, ai fini della…
Amministrativo

Le clausole del bando di gara che non rivestono portata escludente devono essere impugnate unitamente al provvedimento lesivo e possono essere impugnate unicamente dall’operatore economico che abbia partecipato alla gara o manifestato formalmente il proprio interesse alla procedura. Ciò anche con riferimento alla clausola del bando che prevede l’aggiudicazione con il criterio del prezzo più basso. Lo stabilisce il Consiglio di Stato, sez. III, sentenza 12 novembre 2018, n. 6345….
Amministrativo

Le disposizioni dettate con d.lgs. n. 33/2013 in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche Amministrazioni, disciplinano situazioni non ampliative né sovrapponibili a quelle che consentono l’accesso ai documenti amministrativi ai sensi degli artt. 22 ss. Legge n. 241/1990. Lo stabilisce il Tar Bari, sez. I, sentenza 18 ottobre 2018, n. 1344….
Amministrativo

Le valutazioni del giudice penale in ordine alla sussistenza delle condizioni tecnico-giuridiche di estradabilità di un imputato o di un condannato all’estero sono sottratte al sindacato di legittimità del Giudice amministrativo. Lo stabilisce il Tar Roma, sez. I, sentenza 12 novembre 2018, n. 10889….
Amministrativo

Il protrarsi delle operazioni di gara per lungo tempo non rende di per sé illegittima la procedura di gara, soprattutto nelle ipotesi che la procedura, per la complessità delle operazioni valutative ed il numero dei partecipanti alla gara, si protragga per numerose sedute. Lo stabilisce il Tar Toscana, sez. III, sentenza 9 ottobre 2018, n. 1272….
Amministrativo

Il militare di leva obbligatoria non è legato all’amministrazione da un rapporto di pubblico impiego, ma da un mero rapporto di servizio privo del carattere della spontaneità, destinato a cessare dopo il periodo di utilizzazione. Ne consegue che la controversia promossa da un militare di leva nei confronti della P.A. per far valere pretese di natura patrimoniale, spetta alla giurisdizione del giudice ordinario, vertendosi in materia di diritti soggettivi ed essendo esclusa l’esistenza di una controversia riconducibile a quelle espressamente devolute alla giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo. Lo stabilisce il Tar Lazio, sez. I bis, sentenza 8 novembre 2018, n. 10826….
Amministrativo

La Corte di giustizia europea, con sentenza del 18 ottobre 2018, ha ribadito che lo “status di rifugiato” conferito dalla protezione sussidiaria, concesso dalla normativa slovena, non offre “gli stessi diritti e gli stessi vantaggi che il diritto dell’Unione e quello nazionale riconoscono allo status di rifugiato”, ai sensi della direttiva 2013/32/UE. Ne consegue che il giudice nazionale non può respingere, in quanto irricevibile, un ricorso proposto contro una decisione che considera una domanda di asilo infondata sotto il profilo del riconoscimento dello “status di rifugiato”, ma che concede lo status di protezione sussidiaria, a causa dell’insufficiente interesse del rich…
Amministrativo

La clausola di un bando di gara la quale richieda agli operatori economici il possesso di un “determinato fatturato” nel settore di attività oggetto di appalto (riproducendo letteralmente il contenuto dell’art. 83, comma 4, lett. a), d.lgs. n. 50/2016), senza indicazione specifica e determinata di tale entità, è da considerarsi indeterminata e generica. Ebbene, tale prescrizione della lex specialis di gara, ledendo il principio della par condicio dei concorrenti, costituisce una fattispecie che non rientra tra quelle assimilabili alle clausole immediatamente escludenti. Lo stabilisce il Consiglio di Stato, sez. V, sentenza 24 ottobre 2018, n. 6040….
Amministrativo

E’ inammissibile l’impugnativa di una sentenza esclusivamente nella parte in cui dispone, ai sensi dell’art. 331, comma 4, cod. proc. pen., la trasmissione della medesima sentenza e di alcune memorie alla Procura della Repubblica, per le valutazioni e le iniziative di competenza in merito a possibili fatti di reato (nel caso di specie affermazioni oltraggiose e calunniose espresse nei confronti del giudice adito). Lo dispone il Consiglio di Stato, sez. VI, sentenza 5 novembre 2018, n. 6235….
Amministrativo