Il Tribunale di Treviso (13 novembre 2018) ha rigettato la domanda, avanzata ex art. 700 c.p.c. dal paziente di una struttura sanitaria, vittima presunta di un errore medico, tesa ad ottenere il pagamento dell’equivalente pecuniario del danno subito, liquidato sulla base delle pregresse determinazioni di un consulente tecnico nominato dal giudice. L’istanza cautelare in questione era stata presentata nelle more del procedimento di cognizione avviatosi dopo l’esperimento della perizia di ufficio, richiesta dal danneggiato con ricorso per consulenza tecnica preventiva ex art. 696 bis c.p.c. e dopo l’avanzamento di sua conseguente richiesta, ex art. 702 bis c.p.c., di condanna del medic…
Civile

In tema di compatibilità degli spazi carcerari con i principi espressi dall’art. 3 della Cedu, una superficie calpestabile di tre metri quadrati per ogni detenuto in una cella collettiva rappresenta la soglia minima pertinente ai fini della valutazione delle condizioni carcerarie, in caso di sovraffollamento grave.   …
Diritto e Giustizia

Il diritto all’indennizzo previsto dalla c.d. Legge Pinto per irragionevole durata del processo non può essere riconosciuto se il giudizio presupposto era affetto da temerarietà, anche se non espressamente riconosciuta con una condanna ex art. 96 c.p.c..   …
Diritto e Giustizia

Anche per il caso del condominio c.d. minimo, il condomino che, intraprendendo a proprie spese dei lavori di manutenzione e riparazione delle parti comuni, voglia chiedere il rimborso all’altro condomino ex art. 1110 c.c., deve dimostrare che i lavori intrapresi presentino i requisiti dell’urgenza ex art. 1134 c.c..   …
Diritto e Giustizia

Per la configurazione del reato di stalking, anche in assenza di un incontro fisico tra vittima ed imputato, sono sufficienti pochi messaggi via WhatsApp ed una telefonata dal tono minaccioso, che portano a modificare le abitudini della persona offesa. È quanto stabilito dalla Cassazione penale con sentenza 2 gennaio 2019, n. 61….
Penale

Con la sentenza n. 1 del 2019 il Giudice delle leggi ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 2, commi 2, 1 e 3, e dell’art. 4, comma 1, della legge della Regione Liguria 10 novembre 2017, n. 26, per contrasto con l’art. 117, comma 2, lett. e), Cost., nella parte in cui hanno rispettivamente stabilito la proroga per 30 anni delle concessioni di beni demaniali marittimi con finalità turistico ricreative già esistenti nonché la durata delle nuove concessioni per un tempo non inferiore a 20 anni e non superiore a 30, poiché il tema della proroga e della durata delle concessioni attiene alla materia della concorrenza, la cui disciplina è riservata alla competenza escl…
Amministrativo

I nuovi parametri, cui devono essere commisurati i compensi dei professionisti in luogo delle abrogate tariffe professionali, sono da applicare ogniqualvolta la liquidazione giudiziale si riferisca al compenso spettante ad un professionista che, a quella data, non abbia ancora completato la propria prestazione professionale, anche se tale prestazione abbia avuto inizio e si sia in parte svolta quando ancora erano in vigore le tariffe abrogate.   …
Diritto e Giustizia